Prassi di riferimento

Nell’ambito della sua mission A.I.A.G.A. si sta impegnando per il pieno riconoscimento e per la crescita della figure professionali che si occupano di mobilità aziendale, figure che ricoprono responsabilità e sono parte integranti delle più evolute strategie organizzative di organizzazioni pubbliche e private. Un passo fondamentale di questo percorso è stato la firma dell’accordo di collaborazione con l’UNI che ha portato il 15 febbraio 2018 alla pubblicazione  della Prassi di Riferimento UNI/PdR 35:2018 che, come previsto dal Regolamento UE n. 1025/2012, raccoglie le prescrizioni relative a prassi condivise all’interno di A.I.A.G.A. in tema di mobilità aziendale.

La Prassi di Riferimento UNI/PdR 35:2018 definisce i requisiti relativi ai profili professionali della mobilità aziendale, individuandone compiti e attività specifiche e relative conoscenze, abilità e competenze, definite sulla base dei criteri del Quadro europeo delle qualifiche (EQF). Il documento fornisce gli indirizzi operativi per la valutazione della conformità ai requisiti di conoscenza, abilità e competenza definiti per i profili professionali afferenti alla mobilità aziendale, e più precisamente: fleet manager (responsabile della gestione della flotta aziendale), mobility manager (gestori degli spostamenti casa-lavoro), travel manager (gestore delle trasferte di lavoro) e corporate mobility manager (coordinatore delle attività del fleet manager, del mobility manager e del travel manager).

La Prassi di Riferimento UNI/PdR 35:2018 è stata elaborata facendo riferimento anche alle seguenti PdR e norme UNI:

  • UNI EN ISO 9001 Sistemi di gestione per la qualità – Requisiti
  • UNI EN ISO 14001 Sistema di gestione ambientale – Requisiti e guida all’uso
  • UNI CEI EN 16247-4 Diagnosi energetiche nei trasporti
  • UNI EN 16258 Metodologia per il calcolo e la dichiarazione del consumo di energia e di emissioni di gas effetto serra (GHG) dei servizi di trasporto (merci e passeggeri)
  • UNI ISO 26000 Guida alla responsabilità sociale
  • UNI/PdR 18:2016 Responsabilità sociale delle organizzazioni – Indirizzi applicativi alla UNI ISO 26000

 

Il documento stabilisce anche che le conoscenze e le competenze tecniche dei professionisti che presidiano la mobilità aziendale devono essere acquisite, migliorate e mantenute attraverso corsi di formazione. La partecipazione a tali corsi sono promossi o patrocinati da A.I.A.G.A. e riconosciuti dall’apposita “Giunta di A.I.A.G.A. per la promozione della formazione permanente”.

 

La prassi di riferimento può essere consultata qui:

Profili professionali della mobilità aziendale – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza e indirizzi operativi per la valutazione della conformità