La car policy

In questa sezione vengono approfonditi i metodi, le visioni e le strategie aziendali del protocollo per la revisione della car policy: un ausilio fondamentale che aiuta il fleet manager a gestire sempre al meglio e a razionalizzare costantemente la propria flotta.

AHP: il metodo e le sue applicazioni

»

Il metodo AHP (Analytic Hierarchy Process) è uno dei metodi MCDM (Multi Criteria Decision Making) più utilizzato. Il metodo è stato sviluppato dal Prof. Thomas Lorie Saaty (1977). Esso prevede misure di coerenza/giudizio; deriva priorità tra i criteri e le alternative e semplifica voti di preferenza tra i criteri decisionali utilizzando confronti a coppie di criteri. Il metodo, essendo compensativo, è in grado di gestire una certa dose di incoerenza del decisore entro limiti giudicati accettabili e sostenibili da considerazioni puramente matematiche.

Cambiare i paradigmi della Car Policy

»

Cambiare i paradigmi della car policy, tenendo conto delle prove tecniche su strada, dei costi di manutenzione e dei valori residui. A cura di Quattroruote Professional.

Protocollo per la revisione della car policy: strategie e metodi

»

La revisione periodica della car policy aziendale presuppone precise analisi e strategie condivise da parte di tutti gli attori aziendali coinvolti.  Gli obiettivi di contenimento dei costi e di riduzione degli impatti del TCO della flotta devono, infatti, essere perseguiti sulla base di una precisa metodologia che preveda la formulazione scritta di tutte le informazioni utili per l’acquirente e il gestore della flotta aziendale chiamati poi a tradurre tali prescrizioni in opzioni gestionali, in scelte di fornitori e di modelli di auto in linea con le strategie aziendali. Nel documento l’illustrazione e la discussione di esempi di eccellenza.

Car Policy: quello che le aziende chiedono ai propri fleet manager

»

Il vero lavoro duro nelle flotte è la capacità da parte del fleet manager di far combaciare le linee guida della car policy con le necessità oggettive, passando inevitabilmente da quelle empatiche, rispettando budget sempre più ristretti.

RFP & Car policy: metodologia

»

Molto spesso la revisione periodica della Car Policy all’interno delle organizzazioni patisce rallentamenti dovuti all’interazione tra componenti decisionali che possono far capo a differenti dipartimenti. A tutto ciò, aggiungendo come complicazione, si comprende come queste revisioni possano subire lunghi periodi di stallo e ritardi che si ripercuotono sull’operatività quotidiana.  Il contributo che vogliamo dare è prettamente metodologico: come preparare una RFP (Request For Proposal) partendo da una situazione in essere, rapportando la situazione interna al mondo circostante e calibrare la strategia che meglio si addice alla propria realtà.

Mobilità e gestione della flotta: dalla car policy alla car list

»

Gli autoveicoli aziendali oltre che un benefit per manager, sono soprattutto un indispensabile strumento di lavoro per lo svolgimento delle attività aziendali. Il contributo e l’approccio che suggerisce Aiaga in questo documento, per una definizione della gestione della car policy in Italia, è quella del “F.A.R.E” e più nello specifico: Focus sulla figura del fleet manager che deve elevarsi al ruolo di consulente aziendale interno; Agire creando culture nell’ambito flotte; Reportistica: bisogna creare report customizzati che rispecchino il reale TCO della flotta; infine bisogna puntare sull’Ecologia, non per immagine ma con chiari programmi di percorribilità e progetti che valichino anche il confine della flotta.