Gestione del TCO

La riduzione dei costi e la corretta gestione del TCO (Total Cost of Ownership) della flotta è un must inderogabile per ogni fleet manager. Qui troverai teorie, esempi illustri e consigli pratici sul tema.

Total Cost of Ownership vs Total Cost of Mobility

»

In un precedente articolo dedicato alle flotte ed alla mobilità, abbiamo parlato del TCM, ossia il Total Cost of Mobility. Non ci aspettavamo un interesse così elevato sull’argomento, dato che sono arrivate in redazione molti quesiti su TCM ed anche sul più noto TCO.

Ci fa piacere aver suscitato curiosità intellettuale e quindi dedichiamo un articolo specifico per il TCM, dato che la mobilità diventa un argomento sempre più centrale e le metodologie di analisi dei suoi costi, rappresentano un importante strumento per avere un indicatore della spesa corrente delle aziende.

Non ci smentiremo, come cultori dell’ambiente flotte: l’auto sarà ancora per molto tempo un elemento centrale della mobilità e nel prossimo futuro ragioneremo insieme anche sulla presunta e forse prematura dipartita del diesel: abbiamo molti argomenti da sviluppare e siamo certi che le domande dei nostri lettori ci daranno carburante per continuare a scriverne molti altri.

 

Flotte e Mobilità

»

Si sente parlare di mobilità da anni, ma siamo tutti contenti che il mercato dell’auto sia in ripresa e che si vendano più vetture, quasi le stesse del periodo pre-crisi. Si parla di mobilità dal punto A al punto B, ma ogni volta che si sente  parlare un driver di una vettura, sembra stia facendo il setup di una F1.

Ci siamo fatti delle domande sulla mobilità, sulla sua percezione, sul suo futuro, sul fatto che le flotte siano più di telefonini (scusate, si chiamano smartphone)  che di vetture. I giovani non amano più l’auto…dato che diminuiscono le nascite non amano neanche i propri figli….o forse hanno il problema di essere dei precari itineranti con lo smartphone,  l’unica cosa certa che si possono ancora permettere?

Si sentono notizie di vetture che inquinano poco, ma appena non piove si chiudono le città per eccesso di smog. Il mondo cambia così rapidamente, che i problemi sono rimasti esattamente lì dove erano, scivolando sul rullo dell’innovazione.

Vediamo quando e quanto l’innovazione abbia il grip necessario per trascinare i problemi verso una soluzione realistica e non di immagine.

 

TCO e dispositivi di assistenza alla guida

»

I sistemi di assistenza alla guida sono quei sistemi che, utilizzando sensori intelligenti, rilevano in anticipo le situazioni potenzialmente pericolose ed intervengono attivamente per evitare situazioni critiche e ridurre drasticamente il rischio di incidenti. Questi sistemi tecnologici incidono pertanto sulla prevenzione e quindi impattono positivamente anche sul TCO

Il Total Cost of Ownership

»

Il TCO (Total Cost of Ownership), vale a dire il costo totale di gestione della flotta, è ormai diventato il termine abituale e tra i più utilizzati per tutti coloro che si occupano di auto aziendali. Con questa metodologia è possibile determinare tutti i costi complessivi dell’intero ciclo di utilizzo delle vetture aziendali (dal valore finanziario al carburante, dai servizi di manutenzione e assistenza all’assicurazione, dai costi del personale per la gestione alle tasse e agli altri oneri aggiuntivi). L’esatta determinazione del TCO consente così una valutazione puntuale di tutti i fattori influenti e costituisce, soprattutto, uno strumento decisionale indispensabile per la scelta delle vetture e per la loro gestione.

Criteri di scelta di auto per le flotte e incidenza del valore residuo

»

Uno dei criteri fondamentali sul quale si basa il lavoro del fleet manager è la gestione (e la riduzione) del TCO, del quale darà evidenza delle singole componenti, indicando le possibili leve per il controllo e l’ottimizzazione dei costi. In particolare, la riduzione del TCO passa anche, e soprattutto, attraverso i criteri di scelta della auto aziendali e l’incidenza del valore residuo, un parametro che ha un peso rilevante nella voce finanziaria del TCO. Ma come viene calcolato questo valore? Su quali previsioni statistiche si basa?